Ritorna a "IL PROGETTO" Gruppo Immobiliare HOME PAGE

 
  Ritorna a "SAPERNE DI PIU"
Immobili On Line
Come Contattarci
Mail
Ricerca Agenzie FIAIP
Area riservata utenti registrati
Per saperne di più
Per Saperne di Più
 

IL CONDOMINIO

E’ la croce e la delizia di milioni di italiani che convivono ogni giorno porta a porta e che hanno in comune l’onere di gestire, in buon accordo, i beni condominiali come disposto dal codice civile (articoli dal 1117 al 1139 e disposizioni di attuazione dalla 61 alla 72 e poche leggi speciali).

Poche norme, se si pensa a quante liti ed a quante persone sono coinvolte in un giro d'affari di migliaia di miliardi che vengono spesi ogni anno per la manutenzione e la gestione del condomýni.

I beni comuni

Nello stabile ci sono parti private, cioŔ quelle di proprietÓ dei singoli cond˛mini (gli appartamenti e le pertinenze, come box, cantine, solai), e parti comuni. Queste sono il suolo su cui sorge l’edificio, i muri, le scale, gli androni, le fondamenta, i tetti, i cortili, le sale condominiali, la portineria, ecc. ecc., e tutte le opere che servono al funzionamento della casa, l’ascensore, gli impianti elettrici, di riscaldamento, idraulici, del gas, di scarico fognario, fino al punto in cui entrano nelle singole unitÓ immobiliari. Di questi beni, che sono indivisibili, ogni condomino possiede una quota proporzionale alla sua unitÓ immobiliare e li pu˛ utilizzare liberamente, entro i limiti della sua quota, senza cioŔ impedirne l’uso, proporzionalmente, agli altri cond˛mini.

L’amministratore

Per l’amministrazione e la manutenzione di tutte queste cose, il condominio nomina (obbligatoriamente, quando i cond˛mini sono pi¨ di quattro) un amministratore.

Compito dell’amministratore Ŕ quello di raccogliere fra i cond˛mini il denaro necessario per la gestione del condominio e regolarne l’uso nell’interesse di tutti.

Dura in carica un anno, non deve avere nessun particolare requisito (pu˛ essere anche un condomino), rappresenta il condominio nelle controversie legali e presenta ogni anno il bilancio delle spese e il preventivo per i dodici mesi seguenti. Ma l’amministratore non ha, in realtÓ, una grande autonomia, perchÚ nell’adempiere alle sue funzioni deve obbedire alle prescrizioni dell’assemblea. Sarebbe comunque opportuno, per la scelta dell’amministratore, rivolgersi all’ANACI (associazione nazionale amministratori condomini e immobili) in quanto gli associati sono provvisti dei requisiti necessari (preparazione, aggiornamenti, assicurazioni, collegamenti e collaborazioni con altri professionisti, ecc..) per svolgere al meglio l’attivitÓ.

L’assemblea

E’ l’organo decisionale del condominio. Nomina l’amministratore o lo revoca, ne fissa il compenso, approva il preventivo e il bilancio consuntivo e decide le opere di manutenzione straordinaria. L’assemblea viene convocata una prima volta e, se non ci sono abbastanza presenti, anche una seconda. In questa seconda convocazione, come si vede dalla tabella qui sotto, le maggioranze necessarie per prendere decisioni sono meno forti*** (non Ŕ chiaro!). Ed Ŕ per questo che, in realtÓ, l’assemblea si svolge sempre in seconda convocazione. Tutti devono ricevere l’avviso di convocazione almeno cinque giorni prima, altrimenti l’assemblea Ŕ nulla. Comunque tutte le decisioni contrarie alla legge possono essere impugnate rivolgendosi alla magistratura entro 30 giorni dall’assemblea, se si era presenti, o dal ricevimento del verbale dell’assemblea per chi era assente. L’assemblea viene di regola convocata dall’amministratore, ma l’iniziativa pu˛ essere presa anche dai cond˛mini (almeno due, e che

rappresentino almeno 167 millesimi) dopo averne fatta richiesta, inutilmente, all’amministratore.

Le spese e i millesimi

Quando l’assemblea approva il bilancio, tutti devono pagare le rispettive quote, attribuite in base ai millesimi.

Di regola esistono diverse tabelle millesimali per ripartire le spese: quella per le spese generali (che corrisponde all’ampiezza delle proprietÓ di ciascuno), quella per l’acqua (basata sul numero di persone che vivono nella singola unitÓ immobiliare), quella per il riscaldamento quando Ŕ centrale (viene calcolata su parecchi fattori, come la cubatura dei locali e il numero di elementi dei caloriferi), quella per scala e ascensore, dove chi Ŕ pi¨ in alto paga di pi¨ per il maggiore uso che ne fa.

Di regola si paga ogni tre o quattro mesi, ma per le spese straordinarie pi¨ onerose si paga anche in rate mensili. Inoltre, dopo l’approvazione del bilancio di fine anno, c’Ŕ il conguaglio (che pu˛ essere attivo o passivo) su quanto giÓ versato durante l’anno, in base al preventivo.

Spese arretrate

Se sono rimaste spese da pagare a carico del vecchio proprietario, sappiate che sarete chiamati voi a saldarle. Il codice civile, infatti specifica che esiste una "solidarietÓ passiva" fra il vecchio e il nuovo proprietario, per le spese del bilancio precedente e per quello in corso. L’amministratore Ŕ libero di chiedere gli arretrati all’uno o all’altro ma, ovviamente, si rivolgerÓ subito al neo proprietario che Ŕ pi¨ reperibile e motivato e che dovrÓ pagare, pur mantenendo naturalmente il diritto di chiedere il rimborso delle spese dovute fino al giorno del rogito al venditore.

Regolamento

Quando ci sono pi¨ di dieci cond˛mini, ci deve essere anche un regolamento di condominio. E’ una piccola legge interna, valida solo nello stabile condominiale. Di fatto, non sono previste sanzioni (una vecchia disposizione parla di ammende fino a 100 lire!), ma il regolamento Ŕ la base sulla quale vengono decise le controversie. Se ad esempio nel regolamento si vieta di destinare a ufficio le abitazioni dei piani sopra il pianterreno, si dovrÓ seguire questa regola e il giudice chiamato a dirimere una lite su questo punto dovrÓ tenerne conto.


Immobili On Line I Nostri Servizi Chi Siamo Mutui  e  Leasing Borsino Immobiliare
Per Saperne di Più
LINK Area Riservata

Ritorna HOME PAGE
"IL PROGETTO"«
Gruppo Immobiliare Network


Per maggiori informazione scrivi a:

ilprogetto@fiaip.it

Il network immobiliare più conveniente, più qualificata e più accreditata!
Associato:
Collegamento a FIAIP Federazione Italiana  Agenti Immobiliari Professionali
Oltre 8000 agenzie immobiliari associate
 
© Copyright "IL PROGETTO" ® Gruppo Immobiliare -Vietata la riproduzione - All Right Reserved